Home Statuto
Menu Principale
Leggi e Delibere
Eventi e Iniziative

STATUTO

DELLA

A. D. P.


ASSOCIAZIONE

DIABETICI PISTOIESE


Registrato il 16 Luglio 1987 a Pistoia - Notaio Caponnetto Francesco

Modificato dall'Assemblea Generale del 27 Marzo 2004 - Pistoia

Modificato dall’Assemblea Generale del 7 marzo 2009 - Pistoia


ART. 1) E’ costituita un’Associazione denominata "A.D.P. ASSOCIAZIONE DIABETICI PISTOIESE".

ART. 2) L’associazione ha sede in Pistoia, attualmente in Via Macallè n. 19 (telefono attuale n.0573-26284).

ART. 3) L’associazione ha la durata illimitata.

ART. 4) Scopi dell’associazione sono quelli di:

  • promuovere e favorire con ogni mezzo la conoscenza del diabete MELLITO al fine di facilitarne la diagnosi precoce e la cura efficace;
  • educare all’autocontrollo del diabete sia giovanile che dell’età adulta;
  • sensibilizzare gli organi politici, amministrativi sanitari, affinché la legge del 16 marzo 1987 N.115 riguardante la prevenzione e la cura del diabete venga attuata in modo efficace;
  • operare affinché il centro antidiabetico venga inserito in un più ampio servizio di diabetologia;
  • promuovere attività ricreative, educative, sportive che facilitino la conoscenza del diabete e l’inserimento sociale del diabetico;
  • seguire l’evolversi della ricerca nel campo del diabete mantenendo stretti contatti con le altre associazioni italiane similari in modo da poter fornire indicazioni sullo stato attuale della conoscenza del diabete e sugli sviluppi di nuove metodologie di cura;
  • l’associazione non ha comunque scopo di lucro.


ART. 5) Il patrimonio dell’associazione è costituito dai contributi annuali e straordinari dei soci, liberalità ed elargizioni dei simpatizzanti e dei sostenitori. I fondi dell’associazione devono essere depositati in conto corrente bancario ad essa intestato. Su tale conto può compiere tutte le operazioni il Presidente ed il Tesoriere dell’associazione in firma congiunta.

ART. 6) L’associazione si compone di:

  • SOCI EFFETTIVI. Tale qualifica è riservata ai soci affetti da diabete mellito e ai loro familiari in caso di diabete giovanile;
  • SOCI SOSTENITORI. Tale qualifica è conferita a tutti quei cittadini che desiderano aderire all’associazione. Essi possono assistere all’assemblea dei soci ma non hanno diritto di voto né possono essere eletti alle cariche sociali. L’ammissione a socio, tanto effettivo che sostenitore deve essere deliberata dal Consiglio Direttivo.

ART. 7) Gli associati cesseranno di appartenere all’Associazione per recesso, esclusione o per causa di morte, morosità, espulsione.

Il recesso è ammesso; oltre che nei casi similari; per analogia, a quelli previsti dagli articoli 2437 e 2526 C.C. quando l’associato trasferisca la sua residenza all’estero o per altra impossibilità accertata di partecipazione all’attività sociale.

La dichiarazione relativa sarà annotata nel libro degli associati a cura del Consiglio Direttivo, al quale spetta di accertare se essa sia fondata sui motivi di cui al precedente comma, a suo insindacabile giudizio.

Per morosità, a distanza di un mese dall’ultimo invito ad effettuare il pagamento della quota sociale scaduta.

Per espulsione, in seguito a motivi gravi riconosciuti dal Consiglio Direttivo, a suo esclusivo giudizio e con relativa deliberazione da prendersi comunque con la maggioranza qualificata di almeno numero cinque Consiglieri, ciò anche in espressa, deroga a quanto stabilito all’art.9.

Le deliberazioni adottate in materia di recesso od esclusione debbano essere comunicate agli associati interessati mediante lettera raccomandata con avviso di ricevimento.

ART. 8) E’ dovere di ciascun socio partecipare fattivamente al raggiungimento degli scopi dell’associazione.

I soci inoltre sono tenuti al pagamento di una quota annuale di € 11,00 (undici). La quota di iscrizione può essere elevata per decisione del Consiglio Direttivo annualmente.

ART. 9) Gli organi dell’Associazione sono: L’assemblea, il Consiglio Direttivo, il Presidente, il Segretario, il Tesoriere.

L’Assemblea dei soci è convocata almeno una volta all’anno dal consiglio direttivo per l’approvazione del bilancio e per la relazione annuale del Presidente. Nonché per procedere al rinnovo delle cariche sociali secondo le modalità stabilite. E’ convocata altresì quando ne sia fatta domanda da almeno un decimo dei soci effettivi iscritti.

L’assemblea è convocata nella sede dell’associazione o in altro luogo del Comune di Pistoia indicato nell’avviso di convocazione, mediante invio di lettera contenente l’ordine del giorno, la data, l’ora e il luogo sia della prima che eventualmente della seconda convocazione, almeno 30 giorni prima della data fissata.

Per quanto non espressamente previsto si applicano per analogia le disposizioni degli art.20 e seguenti del Codice Civile.

Il Consiglio Direttivo determina l’attività concreta da svolgere per il raggiungimento degli scopi sociali, ha l’amministrazione ordinaria e straordinaria dell’associazione, redige annualmente il bilancio preventivo e quello consuntivo, delibera sulla convocazione dell’assemblea generale e ne fissa l’ordine del giorno.

Il Consiglio Direttivo è composto da minimo sette membri nominati dall’assemblea generale con voto segreto. I Consiglieri durano in carica tre ( 3 ) anni e sono rieleggibili. Il Consiglio Direttivo si riunisce su convocazione del presidente o su richiesta di almeno tre membri.

Le riunioni sono valide quando sia presente la maggioranza dei consiglieri. Il consiglio delibera con il voto favorevole della maggioranza dei votanti. Il presidente viene eletto dal Consiglio Direttivo fra i propri membri e dura in carica fino alla scadenza del proprio mandato di consigliere. Rappresenta a tutti gli effetti l’associazione nei confronti dei terzi e sta in giudizio per l’associazione.

Il segretario è eletto dal Consiglio Direttivo fra i soci anche non consiglieri, assiste il consiglio nelle sue riunioni e ne verbalizza le delibere, dura in carica quanto il consiglio.

Il tesoriere è eletto dal Consiglio Direttivo tra i suoi membri, e dura in carica fino alla scadenza del proprio mandato di consigliere. Cura la registrazione del movimento economico e presenta la relazione economica all’assemblea annuale.

ART. 10) L’anno sociale inizia il 1 Gennaio di ogni anno e termina il 31 Dicembre dello stesso.

ART. 11) Tutte le cariche sociali sono gratuite. In ogni caso sono rimborsabili le spese sostenute nell’adempimento degli incarichi sociali previa ratifica del Consiglio Direttivo.

ART. 12) Per quanto non espressamente previsto si applicano le norme del Codice Civile.